Articoli
La coltivazione delle fragole
Il ragno rosso: identificazione, prevenzione, eliminazione
Informazioni sullo spettro della luce, sull'assorbimento da parte delle piante e sul funzionamento della fotosintesi
L'assorbimento della luce da parte delle piante: la clorofilla
Cosa sono i pigmenti accessori? A cosa servono?
La coltivazione del peperoncino con luci artificiali





Coltivazione in Idroponica - Guida all'autocostruzione

Ci sono tanti tipi di cultura idroponica, si differenziano tra loro nel modo in cui l'acqua raggiunge le radici. Ci occuperemo della Coltura in Acqua Profonda, detta anche DWC, nella quale le radici sono immerse in acqua.
Questo tipo di coltura ha il netto vantaggio di riuscire ad accelerare il metabolismo della pianta consentendo una crescita veloce e rigogliosa, oltre a essere totalmente pulita (niente terra!).

Un piccolo manuale per l'autocostruzione di un impianto DWC.
Innanzitutto cominciamo da dove alloggerà la pianta: abbiamo bisogno di un vaso bucato (netpot), si trovano sul web. Nel netpot, preferibilmente, metteremo dell'argilla espansa (precedentemente lavata).
Il vaso va poggiato sul coperchio di una vasca contenente l'acqua.
Le radici cresceranno prima nell'argilla espansa per poi uscire dal netpot e raggiungere l'acqua, nella quale si svilupperanno
Sviluppo radici in idroponica
Radici, contenitore, pianta in idroponica
Questo contenitore deve essere impermeabile alla luce (luce + acqua = alghe), e la capienza consigliata varia a seconda del numero di piante che l'impianto deve servire, nella misura di 15 litri circa ognuna.
Contenitori per idroponica
Più piccola è la vasca e più frequenti saranno le manutenzioni e i controlli necessari.
Per il contenitore si possono utilizzare quelle bacinelle che si trovano nei centri fai da te. Nel calcolo del volume considerate che nella parte superiore (dove il vaso entra nel contenitore) non ci può essere acqua: questa, infatti, deve trovarsi a 1-2cm dal vaso.

Oltre alla vasca e al netpot la coltivazione idroponica necessita di questi strumenti:
- Pompe areatrici
- Pietre porose
- Timer

Le pompe areatrici servono ad ossigenare la soluzione. Si possono trovare nei negozi per acquari e su Internet, si classificano in base alla portata. E' meglio sceglierne uno abbastanza potente (150litri/ora). L'azione delle pompe non deve essere continua, con il timer possiamo farle funzionare a intervalli di 15-30 minuti.
Le pompe, attraverso degli appositi tubicini, vanno collegate alle pietre porose che si occuperanno di distribuire l'aria su una superficie maggiore. Sono consigliate quindi pietre porose lunghe ed è meglio fare in modo che l'ossigeno arrivi sull'intera vasca.Pietre porose



Alcuni consigli:
Bisogna tenere presente che l'acqua andrà cambiata ogni 15 giorni, massimo 1 mese. E' quindi meglio fare in modo di poter muovere la vasca facilmente, anche se piena.
Un'altra cosa che merita attenzione è la scelta della pianta: bisogna conoscerla per sapere in che modo si svilupperà e, se rilevante, bisogna conoscerne il sesso. Se si mettono più piante nello stesso impianto di coltivazione idroponica c'è il rischio che le radici si intreccino rendendone impossibile la separazione.
Le pompe di areazione vanno tenute sopra il livello dell'acqua: eventuali riflussi potrebbero mandarle in corto circuito, con prevedibili pessime conseguenze.
La soluzione nutriente per l' idroponica ha bisogno di essere controllata con degli strumenti appositi (che si trovano su internet e nei negozi per acquari): Il PH, cioè l'acidità della soluzione, va tenuto sotto controllo, meglio se con un misuratore di ph digitale, e spesso va aggiustato con delle apposite soluzioni. Altro valore molto importante è l'EC, cioè la conducibilità elettrica: questo valore ci indica la quantità di sostanze nutrienti presenti nella soluzione: ogni prodotto per l' idroponica da i suoi consigli su come tenere questo valore nelle diverse fasi della crescita.
L'ottimizzazione di questi valori farà crescere piante forti e rigogliose molto velocemente.
E' comunque consigliabile acquisire un pò di esperienza con la pianta che volete coltivare prima di intraprendere una coltura idroponica.

Al momento ci sono molti impianti o kit precostruiti che spesso sfruttano varianti dell'idroponica come l'areoponica o l'NFT (particolarmente indicato per le fragole). Si possono trovare su Internet, in siti italiani o esteri, a prezzi decisamente elevati.
Impianto coltivazione idroponicakit coltivazione idroponica



Hai domande sulla coltivazione indoor? Chiedi a etnogrowCHIOCCIOLAgmail.com o usa il modulo qui sotto



Home | English Version | Grow Room | Tecniche di coltivazione | Articoli | Links

Attrezzatura materiale per coltivazione indoor